Chagall è un pittore famoso per le sue opere poetiche, fantastiche e romantiche. Ancora oggi restiamo incantanti dai suoi paesaggi da sogno e dalle creature a dir poco bizzarre che li popolano.

Chi sono i principali protagonisti delle sue opere?

Ecco alcuni brevi spunti per aiutarvi ad entrare nel magico universo di Chagall. Pronti? Si inizia!

L’amore sconfinato per Bella

La passeggiata di Marc Chagall

La passeggiata di Marc Chagall

Bella è stata la musa e la moglie di Chagall per più di 30 anni.
Chagall amò moltissimo Bella, ritraendola in tantissime delle sue opere. La sua arte fu profondamente influenzata dalla sua musa, come il pittore stesso ammise.

Pensate che quando Bella morì nel 1944 a causa di un’infezione virale, Chagall fu distrutto: smise di dipingere e riprese nove mesi più tardi solo sotto la spinta della figlia.

L’importanza dei tetti

Il violoncellista di Marc Chagall
Il violoncellista di Marc Chagall

Ci avete mai fatto caso? Le opere di Chagall sono piene di tetti.

Il “mistero” è presto svelato: si tratta di un ricordo d’infanzia molto caro all’artista. Infatti da piccolo Chagall passava molte ore ad ammirare la sua città natale dall’alto. Si tratta di Vicebsk, in Bielorussia!

I protagonisti della vita di campagna

Gli animali di Chagall
Le strane creature delle opere di Chagall

Tra le opere di Chagall vi capiterà di sicuro di incontrare tante bizzarre creature.

Non spaventatevi: molti sono proprio gli animali che ha conosciuto da piccolo in campagna. D’accordo, magari con qualche piccola aggiunta: come per gli asini verdi, le caprette volanti e le mucche violiniste.

Un animale compare forse più di altri, ovvero il gallo. Un animale molto comune nelle opere di Chagall così come nei lubki, le stampe popolari della tradizione russa.

Avete mai fatto caso a questi protagonisti delle opere di Chagall?

Speriamo che questo breve articolo ti abbia regalato qualche piccola informazione in più su Chagall e sul suo magico universo.

Ti piacerebbe leggere altre storie come questa? Iscriviti alla Newletter di Artonauti!